OMELIA PER IL XVI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO C (4)










OMELIA PER IL XVI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO C

TEMA: RAPPORTO CON DIO

CURA DI: DON JUSTIN NZEKWE.

OMELIA DI DOMENICA 17 LUGLIO 2022

 

Il livello della nostra relazione con Dio dipende molto dalle scelte che facciamo come individui. Nella prima lettura di oggi, Abramo ha la possibilità di accogliere i tre stranieri che vede dalla porta della sua tenda, oppure di rifiutarsi di accoglierli. La sua spontanea generosità e ospitalità verso gli stranieri ci ricorda cosa significa fare la scelta giusta nel nostro rapporto con Dio. Abramo fu mosso da compassione nel vedere questi stranieri in una calda giornata di sole e così decise di offrire loro ospitalità. Senza alcuna richiesta formale da parte degli stranieri, Abramo scelse di riceverli nella sua casa. Non era egoista e avaro, ma pensava al bene degli altri e, così facendo, serviva i messaggeri di Dio senza nemmeno saperlo. Come risultato della sua ospitalità e generosità, Dio promise a lui e a sua moglie un figlio, nonostante fossero già anziani. Tuttavia, potreste desiderare di fare esattamente quello che ha fatto Abramo, ma non è troppo tardi. Gli stranieri che oggi passano per casa nostra sono i poveri e i senzatetto, e non possiamo far finta di non vederli. Sono coloro che Dio ci ricorderà nell’ultimo giorno della nostra incapacità di dargli da mangiare quando aveva fame.

Tuttavia, la lettura del Vangelo ci porta a un livello più profondo di scelta, nel nostro rapporto con Dio. Ci vengono presentate due donne divine che rappresentano le due forme di spiritualità cristiana: Marta rappresenta il ministero attivo, mentre Maria rappresenta la vita contemplativa. Sia chi vive un ministero attivo che chi vive una vita contemplativa sono tutti importanti. Tutto dipende dalla nostra unica vocazione di cristiani. Secondo la lettura del Vangelo, Maria, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola, Marta invece era distolta per i molti servizi. Quando Marta si lamentò di come Maria si rifiutasse di assisterla nella preparazione del cibo che avrebbero servito a Gesù, Gesù le rispose: “Ma il Signore le rispose: “Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta”. Oggi, molti di noi cristiani sono sempre più distratti da troppe cose, prestando così poca o nessuna attenzione alla nostra vita spirituale, che dovrebbe essere la più importante. Senza essere vicini a Dio, difficilmente possiamo affrontare le sfide quotidiane con fede e coraggio. Ecco perché Gesù approvò la decisione di Maria di sedersi e ascoltare ogni sua parola. In effetti, la vita cristiana attiva di Marta manca di profondità spirituale e di illuminazione. Per questo era troppo occupata e preoccupata per tante cose. La scelta di Maria di ascoltare per prima le parole di Gesù, la dispose a una vita con meno preoccupazioni e ansie. Le preoccupazioni possono influenzare la nostra vita quotidiana a tal punto da interferire con l’appetito, lo stile di vita, le relazioni, il sonno e persino il rendimento lavorativo. Può scatenare in noi una serie di problemi di salute. Gesù ricordò a Marta che prima di lavorare dobbiamo innanzitutto pregare per ricevere da Dio guida, ispirazione e forza. Quanti di noi iniziano la giornata pregando? Oppure ci svegliamo al mattino e ci precipitiamo a lavorare? Tuttavia, il lavoro da solo è inutile e la preghiera da sola non ha senso. Dobbiamo mantenere un sano equilibrio tra il nostro lavoro e la nostra vita di preghiera. Dovrebbe essere prima la preghiera e poi il lavoro. Quando la preghiera precede il lavoro, siamo sicuri che Dio ci aiuterà a portare a termine il nostro lavoro con successo e frutto, con meno preoccupazioni e ansie. Oggi ci viene quindi ricordato di fare scelte che ci avvicinino a Dio. Preghiamo in questa santa messa che Dio ci conceda la saggezza di fare le scelte giuste nel nostro rapporto con Lui, affinché possiamo scegliere la preghiera prima del lavoro, la Parola di Dio, invece dell’ansia, e anche scegliere la generosità invece dell’egoismo, e come Abramo, possiamo ricevere le benedizioni che derivano dal fare le scelte giuste nella nostra vita.




Dearest Friend of Homily Hub, We need about $1350 to pay up our subscription debts. We do not only publish the Word of God, we also have a charity Foundation. We accept donations as low as $5. Please, listen to the voice of God in your heart, you could be an answer to our prayers to God. You can also send checks. Fill the simple form below to Donate>>>