FR. OMELIA DI JUSTIN PER LA XXIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO ANNO C (3)

Jesus with deciples(1)









FR. OMELIA DI JUSTIN PER LA XXIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO ANNO C

TEMA: “PRENDI LA TUA CROCE E SEGUIMI”

A CURA DI: P. Justin Nzekwe

OMELIA DI DOMENICA 4 SETTEMBRE 2022

 

Il regno di Dio non è per coloro che non vogliono fare sacrifici, pur volendo ottenere la ricompensa del cielo. Non è per i deboli di cuore che hanno paura di fare grandi sacrifici per la loro fede in nostro Signore Gesù Cristo. Gesù non voleva prenderci alla sprovvista e per questo ha preparato la nostra mente alle sfide che dovremo affrontare se desideriamo sinceramente seguirlo. Nella lettura del Vangelo di oggi Gesù ci avverte: “Se uno viene a me e non mi ama più di quanto ami suo padre, la madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo”. Tuttavia, Gesù non sta sostenendo l’inimicizia tra i membri di una stessa famiglia, ma piuttosto la necessità di avere un senso di priorità nell’amore che abbiamo per lui. E l’amore che abbiamo per lui dovrebbe essere più grande dell’amore che abbiamo per i nostri familiari. Ci vogliono molti sacrifici per essere chiamati veri cristiani. Non si tratta sempre di momenti gioiosi, a volte dobbiamo passare attraverso persecuzioni, sofferenze e a volte arriveremo persino a un punto in cui ci sentiremo abbandonati da Dio. Molte persone ci odiano, ci criticano e fanno di tutto per scoraggiarci dall’adorare Dio. A volte la nostra distrazione può venire dal posto di lavoro, dalla mancanza di denaro, dalla malattia, da relazioni fallite, da progetti falliti e persino dalla nostra famiglia e da coloro che amiamo, eppure non dobbiamo mai arrenderci nel seguire Cristo.

Seguire Cristo richiede anche di prendere decisioni difficili per sconfiggere le nostre dipendenze. Richiede il distacco dai beni terreni. Richiede una grande preparazione da parte nostra. Gesù ha paragonato la preparazione per il regno di Dio alla preparazione di chi intende costruire una torre, e anche alla preparazione di un re che intende andare in guerra con un altro re. Entrambi questi esempi richiedono una preparazione efficace. L’apostolo Paolo, nella seconda lettura, stava scrivendo a Filemone dalla prigione. E l’unico crimine per cui era stato imprigionato era la sua fede in Cristo. Siamo pronti per un tale sacrificio? La verità è che nessuno è abbastanza preparato al sacrificio senza la grazia di Dio. Gesù, al culmine della sua sofferenza sul Calvario, gridò: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?”. E se Gesù come Dio e come uomo ha potuto gridare nel momento della sua sofferenza, che dire di noi che siamo solo dei semplici mortali. Tuttavia, non dobbiamo avere paura. Lo scrittore del libro della Sapienza si chiede: “Chi avrebbe conosciuto il tuo volere, se tu non gli avessi dato la sapienza e dall’alto non gli avessi inviato il tuo santo spirito?”. Abbiamo già ricevuto il dono dello Spirito Santo il giorno di Pentecoste, e lo Spirito Santo è sempre pronto ad accompagnarci anche nei momenti di debolezza. Lo Spirito Santo parlerà per noi quando ci mancheranno le parole e intercederà sempre per noi presso Dio Padre. In questa santa messa preghiamo quindi per la grazia di amare Dio sopra ogni cosa, per ereditare il regno di Dio nei cieli.




Dearest Friend of Homily Hub, We need about $1350 to pay up our subscription debts. We do not only publish the Word of God, we also have a charity Foundation. We accept donations as low as $5. Please, listen to the voice of God in your heart, you could be an answer to our prayers to God. You can also send checks. Fill the simple form below to Donate>>>